17 Marzo 2023
  • 16

Ci risiamo. Registriamo l’ennesima aggressione ai danni di personale sanitario. Aggressione alla quale fanno eco messaggi di sdegno di solidarietà. Poi c’è chi chiede “” “l’istituzione di un osservatorio regionale sulla violenza ai danni degli operatori sanitari.””” Già, perché c’è bisogno di “osservarli” questi atti di violenza, non c’è bisogno di agire. Che sbadato! si è agito!! Sono stati organizzati dei corsi, seminari per imparare a dialogare e comprendere la violenza. Sul dialogo siamo d’accordo, potrebbe essere una prima forma di difesa di disinnesco. Poi però quando le parole non bastano, scatta la violenza – quella fisica- A questo aspetto, però, non ci pensa nessuno. Tante volte con la nostra associazione ci siamo proposti di fornire gli “strumenti” adatti ad una difesa immediata. Ma i nostri appelli i nostri suggerimenti sono caduti nel vuoto, forse chiusi in qualche cassetto se non addirittura cestinati come spam, come fosse un qualcosa di superfluo, una conoscenza che al personale sanitario non serve. L’importante sarà osservare ed aspettare che altro personale venga aggredito. Amici del mondo sanitario, noi siamo realmente al vostro fianco per darvi una possibilità.

Non perderti nessuna novità
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Con l'invio del presente modulo dichiaro di aver letto l'Informativa sulla Privacy riportata in calce e acconsento al trattamento dei dati personali da parte dell’A.S.D. Fight for your life, ai sensi dell’art. 13 D.lgs. n.196/2003 e art. 13 GDPR 2016/679