9 Aprile 2024
  • 81

Nei corsi di #difesapersonale, si diffonde un mantra: nessuno ha il diritto di avvicinarsi o toccare senza autorizzazione. Tuttavia, quando la violenza si manifesta, la vittima spesso si sente in colpa. Questa percezione deve cambiare.

La verità è che la vittima non ha colpe. È cruciale smantellare il mito della colpevolizzazione, riconoscendo che la responsabilità è interamente dell’aggressore. La violenza non è mai giustificata, e nessuna azione o abbigliamento giustifica un attacco.

Colpevolizzare la vittima non solo è sbagliato, ma può anche perpetuare un ciclo pericoloso. Le vittime possono ritrovarsi intrappolate nella vergogna e nel silenzio, impedendo loro di cercare aiuto e supporto.

Invece, dobbiamo creare ambienti sicuri e solidali dove le vittime possano sentirsi libere di parlare senza timore di giudizio. È essenziale promuovere la consapevolezza e l’empatia, educando sulle dinamiche della violenza e sulla necessità di sostegno e comprensione.

Rompere il silenzio significa rompere anche il ciclo di colpevolizzazione. È solo allora che possiamo veramente combattere la violenza, proteggere le vittime e costruire comunità più sicure e inclusive.

Non perderti nessuna novità
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Con l'invio del presente modulo dichiaro di aver letto l'Informativa sulla Privacy riportata in calce e acconsento al trattamento dei dati personali da parte dell’A.S.D. Fight for your life, ai sensi dell’art. 13 D.lgs. n.196/2003 e art. 13 GDPR 2016/679